Il più grande attacco informatico di sempre

Oggi, venerdì 21 ottobre 2016 alle ore 11.10 UCT si è verificato uno dei più importanti attacchi informatici di sempre (in realtà, già quattro ore prima (07.00 AM) si era verificato un attacco simile, risolto in due ore). Si tratta di un attacco DDoS (Distributed Denial of Service) che ha preso di mira una tra le più note aziende di hosting statunitensi, Dyn, causando problemi a molti siti internet.

Per almeno un paio d’ore, alcuni dei siti più cliccati del mondo sono andati offline. Tra i più noti, troviamo Amazon, Twitter, SpotifyPayPal, The New York Times, Netflix, Reddit, Yelp, Box, Pinterest, CNN, Financial Times, eBaySkype, SoundClound, VisaGithub, Airbnb, TheVerge.

Per alcuni di essi, la navigazione era possibile seppur con notevoli rallentamenti, ma la maggior parte è risultata totalmente irraggiungibile per ben 120 minuti.

attaccooggi

I dati pubblicati mostrano che i disservizi si sono estesi anche in Europa, ma l’Italia non risulta sia stata colpita.

In base a un aggiornamento di Dyn, si apprende che i servizi sono stati ripristinati alla normalità alle ore 13.20 UTC.

Al momento non si hanno notizie ufficiali riguardo l’origine dell’attacco, ma cos’è accaduto?
Quando si parla di attacco DDoS, si intende un attacco informatico volto a esaurire o meglio saturare, tramite numerose e contemporanee richieste, la capacità di banda del server al fine di renderlo irraggiungibile. Probabilmente, l’attacco di oggi è stato sferrato utilizzando centinaia di dispositivi (non solo computer, ma qualsiasi dispositivo in grado di collegarsi ad internet) di tutto il mondo affetti da malware. Questi dispositivi, collegati tra loro tramite una botnet (ovvero una rete di device infetta da malware e controllata da un unico computer) sono poi stati conversi e indirizzati verso un unico target.

 

Print Friendly, PDF & Email

Leave a Reply

Lasciaci il tuo parere!

avatar
wpDiscuz